In Vespa fra Toscana e Umbria

In Vespa fra Toscana e Umbria – pt.2

Sabato mattina, il secondo giorno del nostro viaggio in Vespa fra Toscana e Umbria. Ci siamo lasciati alle spalle un venerdì decisamente bagnato pieni di speranza per un sabato migliore.

LEGGI ANCHE: In Vespa fra Toscana e Umbria pt.1

I piani vanno rispettati

Ci svegliamo di prima mattina perché dobbiamo recuperare una cosa importantissima che non abbiamo fatto il giorno prima: la spesa! Pedalata alla Vespa e via verso il supermercato di Pozzuolo (PG); subito dopo, il programma prevedeva la visita a Pienza (SI) ed a Montepulciano (SI).

Una volta in strada, però, mi accorgo che sulla zona della Val d’Orcia ci sono ancora grandi nuvole nere cariche di pioggia. Poco male, facciamo la spesa e poi vediamo.

Tornati a casa, apro l’app del meteo in tempo reale e la situazione è chiara. Siccome i piani vanno rispettati, oggi andiamo sul Lago Trasimeno!




Isola MaggioreAll’Isola Maggiore con “Caronte”

Saltiamo in sella e ci addentriamo sulle strade umbre, che meritano una piccola riflessione: fanno piangere. L’asfalto è in condizioni pessime su tutte le strade che ho percorso in questa Regione, sembrava che ci fosse passato sopra un trattore con l’aratro! In Vespa è stato molto difficile evitare le centinaia di buche ed avvallamenti. Vi prego, sistematele

Dopo alcuni km di “campi arati”, arriviamo a Castiglione del Lago (PG), scendiamo in riva al Lago Trasimeno dove parcheggio la PX. La nostra idea comprende la visita all’Isola Maggiore e nel pomeriggio un giretto nel borgo.

Dopo aver fatto i biglietti aspettiamo il traghetto, che da qui in avanti per me sarà “Caronte” come il mitico traghettatore nella Divina Commedia. Arrivato “Caronte”, saliamo e ci dirigiamo verso Isola Maggiore attraversando le acque del Lago Trasimeno.

Sbarcati sull’isola, esploriamo il piccolo borgo che si estende sulla riva ovest: un agglomerato urbano molto antico nato prevalentemente per i pescatori che da sempre abitano su quel “grande scoglio”. Il paese si presenta molto ben tenuto e riserva molti scorci caratteristici dei piccoli centri.

Andando verso il lato sud dell’isola ci siamo avventurati su un viottolo sterrato che, dopo una salita “importante”, ci ha portato ai piedi della Pieve di San Michele Arcangelo; una piccola chiesa con antistante un bel piazzale che domina gran parte del Trasimeno. Qua ci fermiamo per pranzare.

Un salto a Castiglione

Tornati al porticciolo dell’Isola, abbiamo aspettato “Caronte” che poco dopo ci ha riportato al punto di partenza a Castiglione del Lago; qua siamo risaliti in sella per percorrere le poche centinaia di metri che separano la riva del lago alle mura storiche del borgo.

Entrati nella cinta muraria di Castiglione, capiamo perché questo borgo è stato inserito nella lista dei “più belli d’Italia”: la sua strada “maestra” che da Porta Senese porta fino alla piazza centrale del paese che, a sua volta, è dominata dal Palazzo della Corgna; il tutto è sovrastato dalla Rocca del Leone. Tutto ciò crea un mix di stili architettonici che partono dal periodo etrusco fino ai giorni nostri, passando dal Medioevo e dal Rinascimento, che dona a questo borgo un aspetto fantastico.




Rocca del LeoneDecidiamo di visitare il complesso del Palazzo e della Rocca. Il Palazzo Corgna, costruito nella seconda metà del 1500, ci accoglie con una bella mostra dei reperti etruschi rinvenuti nell’area poco retrostante al borgo oltre che ad una mostra di arte contemporanea; il tutto è incorniciato dalle magnifiche stanze minuziosamente affrescate, un vero gioiello artistico incastonato sulla riva Sud-Ovest del Trasimeno.

Da un piccolo accesso laterale si accede ad un lunghissimo corridoio (o camminamento) molto stretto e coperto che ci conduce alla Rocca del Leone: posta sul punto più alto del borgo, ha una forma pentagonale irregolare e su ogni angolo si erge una torre; la più grande è posta sul lato che “guarda” il paese dalla quale si ha una visuale maestosa del Lago e dei suoi dintorni. Una visita che assolutamente vale ogni centesimo del prezzo del biglietto.

Ritorno a I Guidonami

Scesi dal borgo, saltiamo in sella e lasciamo Castiglione del Lago per tornare al nostro appartamento. Qui finisce il secondo giorno del nostro viaggio in Vespa fra Toscana e Umbria, domani ci aspetta Chianciano Terme ed il suo raduno…

LEGGI ANCHE: Colli Etruschi – V.C. Chianciano Terme

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 27 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...