Da Ponsacco a Maranello in Vespa – pt.2

Ci siamo lasciati all’Abetone, prima sosta del viaggio da Ponsacco a Maranello. 100km già percorsi e altri ancora da fare; è arrivata l’ora di tornare in sella!

Hai perso la prima parte? Clicca qua!




Città di MaranelloNon solo SS12

Ingranata la prima, lasciamo alle nostre spalle l’Abetone per dirigersi verso Faidello che rappresenta lo “spartiacque” del nostro viaggio; il perchè è molto semplice: questo paese è diviso a metà dal confine fra Toscana ed Emilia Romagna. Da qui in avanti iniziamo a scendere sul versante modenese degli Appennini Tosco-Emiliani!

Le ruote delle Vespa danzano allegre sulla Statale che costeggia le falde del Monte Cimone, in rapida successione superiamo Dogana Nuova e Fiumalbo fino ad arrivare a Pievepelago (MO) dove le indicazioni stradali mi giocano un brutto scherzo.

Il principio del viaggio era quello di stare sempre sulla Statale 12, a Pievepelago però le indicazioni per Modena ci portano su una Provinciale: la SP324. Mal di poco, comunque arriveremo a destinazione e magari anche prima, l’idea di aver cambiato strada però non mi va giù. In ogni caso, ormai continuiamo.

Nei 20km di deviazione (parte sulla SP324 e parte sulla SP40) passiamo dai paesi di Riolunato e Vaglio fino a ricongiungerci con la SS12 nei pressi di Lama Mocogno. Mi era mancata.

Verso valle!

Continuando la nostra discesa verso valle, attraverso Montecenere e Pavullo nel Frignano, la strada continua a darci soddisfazioni prima di trasformarsi in un infinito rettilineo, condito da poche curve molto dolci, nei pressi di Serramazzoni (MO); qua ci fermiamo a fare miscela ed a scambiare due chiacchiere con un austriaco in sella alla sua BMW GS; “Giessista” ma che è stato anche Vespista.

Siamo a 3/4 di viaggio; col pieno nel serbatoio ingraniamo di nuovo la prima e dopo una ventina di km vedo il cartello del paese di Pozza. Ci siamo quasi.

Ai “piedi” dei colli che anticipano gli appennini, dopo circa 190km, il viaggio da Ponsacco a Maranello è arrivato a conclusione! Dopo 10 anni di tentazione e pochi minuti per decidere di partire ho unito le mie due più grandi passioni: la Vespa e la Ferrari.

Ci fermiamo con un parcheggio “da arresto” sulla ciclabile di fronte allo storico ingresso della Fabbrica Ferrari e nello scattare la foto che vedete in copertina ammetto di aver avuto dei bei brividi.

Questo sarà un viaggetto di poco conto per molti ma per me ha davvero un grande significato.




Dependance Ca' de CaroliPit stop a Ca’ de Caroli

Dopo la foto ci siamo subito diretti verso l’appartamento che avevamo affittato, letteralmente un gioiello situato a Ca’ de Caroli (RE). L’appartamento era la dependance di una bella villa signorile posta su di un poggio sopra al paese; le due ragazze ci hanno accolto e spiegato che la sistemazione era dotata di ogni tipo di comfort (piscina compresa), subito ci siamo pentiti di aver prenotato per una sola notte.

Pranziamo, ci riposiamo una mezz’ora e ripartiamo. Siamo arrivati ma mica abbiamo finito qua…

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 26 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...