Vespa Sprint 125 2018: la mini prova

In occasione del Vespa Color Days (qui potete leggere il mio articolo a riguardo dell’evento), ho avuto la possibilità di provare per 15 minuti una Vespa Sprint 125; infatti Piaggio ha messo a disposizione una serie di nuove Vespa 125 sia nell’allestimento Sprint che Primavera. Iniziamo col dire che la Sprint è la versione più “corsaiola” con i suoi cerchi a razze fini, le rifiniture rosse e le gomme da 12″ contro le 10″ della Primavera, la quale ha un look molto più “tranquillo”.




Cruscotto Vespa SprintLa selezione delle Vespa era casuale, a me è toccata proprio una Vespa Sprint 125 in allestimento “Sport”, quindi ancora più sportiva della normale Sprint (scusate il gioco di parole) color giallo opaco e rifiniture rosse; monta un motore, appunto, 125 4 tempi con il nuovo sistema d’iniezione “IGET” ed è provvista di ABS.

Appena saltato in sella alla “mia” Sprint ho girato la chiave nel quadro e davanti a me ha preso “vita” il cruscotto; del tutto rinnovato monta un display LCD (al posto del classico cruscotto a lancetta) con il logo Vespa che appare in dissolvenza per poi lasciare spazio alla strumentazione del computer di bordo il quale offre molte informazioni fra cui, oltre che ovviamente ai km/h ed i km percorsi, anche i “trip” A e B cioè sono due parametri impostabili per vedere quanti km si fanno in un viaggio, oppure la velocità massima raggiunta e la velocità media e tanti altri dati.

Messo in moto il motore, silenziosissimo, siamo partiti per un breve giro fra Pontedera, Val di Cava fino a raggiungere i Fabbri per poi tornare indietro a Pontedera; circa 14km su strada prevalentemente rettilinea e con pochi saliscendi.

La prima cosa che mi ha veramente stupito è l’enorme accelerazione che ha questa Vespa Sprint 125, passando dai 20km/h ai 95km/h in pochissimo tempo considerando la piccola cilindrata; altra cosa che mi ha piacevolmente colpito è il piacere di guida e la buonissima tenuta di strada, infatti per quelle poche curve che ho affrontato (prevalentemente rotatorie) non sono riuscito a metterla in difficoltà, la Vespa teneva sempre la sua linea senza problemi, ho anche provato ad effettuare frenate abbastanza brusche ed il sistema ABS non si è mai fatto trovare impreparato rispondendo sempre bene non facendo sbandare la Vespa (comunque sarebbe da testare in maniera migliore dato che ho provato il sistema a velocità relativamente basse, 50km/h al massimo).




Nuova Vespa PrimaveraIn tutto ciò ho trovato solo un punto che mi ha fatto leggermente storcere il naso: è un pò troppo rigida sull’anteriore, si sente sul manubrio ogni piccola asperità dell’asfalto; comunque lo trovo un “difetto” abbastanza trascurabile.

In conclusione, io che da sempre sono un amante delle Vespa a marce, con la Vespa Sprint 125 non mi sono mai mancate, anzi mi sono veramente divertito a guidarla per quei pochi km; tornando al punto di partenza mi è sinceramente dispiaciuto lasciarla li quella Vespa gialla, spero un giorno di poter avere la possibilità di riprovarla, magari per più tempo per farmi un’idea più completa delle possibilità che offre la piccola Sprint.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!