La Temeraria “light” – Finalmente raduno!

Sabato 25 Luglio si è svolta a Guardistallo (PI) la prima edizione del motoraduno “La Temeraria”! Non proprio come l’avevo annunciata in un articolo qualche mese fa (potete leggerlo cliccando sul link qua sotto) ma un’edizione “light”; ciò è dovuto al maledetto Covid-19 che, come per tutti, ha stravolto i piano di Sandro Pellegrini e gli altri organizzatori dell’evento ma non li ha fatti arrendere all’idea di stare fermi per questo 2020.

LEGGI ANCHE: La Temeraria – Vespa su sterrato




outfit anni '80Per l’edizione “light” de La Temeraria era previsto, alle 18:00, il ritrovo dei partecipanti al “Big Roof” in loc. Casino di Terra (PI) per poi fare un piccolo giro intorno a Guardistallo (PI) e qua fermarsi a cena; ma non solo! Era infatti possibile vestirsi “a tema” col mezzo: la mia P125X è nata nel lontano 1981, quindi via con camicia larga, pantaloni con le “pence” e scarpe bianche per me, mentre una classica giacca di jeans e zeppe per la mia ragazza! Mi sentivo veramente molto a mio agio vestito così in sella alla PX.

Il ritrovo!

Alle 18.20, col mio proverbiale ritardo, arriviamo al “Big Roof” dove già erano presenti tanti motociclisti e Vespisti con i loro mezzi; qua ho finalmente conosciuto, dopo tante telefonate e messaggi WhatsApp, Sandro Pellegrini: l’ideatore e organizzatore (insieme alla sua“squadra”) de La Temeraria! Come detto l’idea originaria era molto diversa: era previsto un tour molto bello ed interessante intorno ai paesi di Guardistallo, Casale Marittimo (PI) e Montescudaio (PI) attraverso “strade bianche” di cui alcune normalmente chiuse al traffico. Purtroppo poi è arrivato il Covid e la quarantena, subito dopo però c’è stata una grande voglia di ripartire ed in fretta e furia è nata La Temeraria “light”; quindi va considerata come un’edizione “zero” mentre nel 2021 ci sarà la vera e propria 1° edizione.

Il breve tour è partito poco dopo e ci siamo diretti verso Guardistallo dove abbiamo attraversato il suo bel centro storico per poi uscire dal paese, passare sotto Montescudaio e fermarci a Bar Pizzeria “Nonna Mara” sulla SP dei Tre Comuni; qui ci siamo gustati un buonissimo aperitivo e due chiacchiere fra i partecipanti.




Big RoofLa premiazione!

Terminato l’aperitivo siamo tornati a Guardistallo per la cena a base di pizza al ristorante “Guardiastalla” per poi, a cena terminata, recarsi nella Sala Consiliare  del Comune di Guardistallo per la premiazione dei partecipanti.

Un premio è toccato anche a me e la mia ragazza: siamo stati i migliori ad abbinare l’abbigliamento con l’anno della Vespa! Evidente i miei pantaloni con le “pence” ed il giacchetto di jeans “Levi’s” hanno fatto colpo. Potete vedere il nostro outfit (e tanti aggiornamenti) sul mio account Instagram @viaggiareinvespa.it.

Qui si è conclusa l’edizione “light” de La Temeraria; ringrazio Sandro e tutta l’organizzazione per l’impegno nel far diventare realtà questo evento in un periodo così difficile per tutti. Ci vediamo nel 2021!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Avatar

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 24 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...