Alla scoperta della Valdera: Palaia e le sue frazioni (Pt.2)

Eccoci qua con la seconda parte del nostro itinerario nel territorio palaiese, alla fine della prima parte di questo racconto eravamo rimasti nel capoluogo, Palaia, mancano ancora tutte le frazioni della parte est del comune.

Passato tutto il borgo di Palaia, ci troviamo di fronte a tre strade da percorrere, la strada per Montefoscoli a destra mentre a sinistra si ha una diramazione della quale un ramo riporta verso Pontedera mentre l’altro porta verso San Miniato e l’entroterra fiorentino.

LEGGI ANCHE: Pontedera: Città dei Motori e della Vespa




Partiamo con la strada che porta verso Montefoscoli denominata “Strada Comunale di Grotta al Leccio”, strada senza infamia e senza lode a livello di percorribilità ma che offre bellissimi scorci sulla campagna toscana; arrivati nel borgo di Montefoscoli, la prima tappa è la Chiesa posta in alto, dalla quale si gode di un bel panorama; altre mete d’interesse del borgo sono: il museo della Civiltà Contadina, la casa-museo Vaccà Berlinghieri e il tempio di Minerva Medica; il museo della civiltà Contadina, come si evince dal nome, ripropone il mestiere del contadino attraverso l’esposizione degli strumenti usati da mani esperte dell’epoca; la casa-museo Vaccà Berlinghieri è il polo principale della storia del borgo dati i precedenti storici di tale famiglia, li sono esposti cimeli di grande valore appartenuti a questi nobili abitanti; il tempio di Minerva Medica fu eretto da un’esponente della famiglia Vaccà Berlinghieri in memoria del padre, anche se studiosi sostengono che le funzionalità di questo edificio furono molteplici, fino anche a luogo di esecuzione di riti massonici, il tempio è visitabile nelle notti di luna piena e nelle aperture straordinarie durante alcune festività.

La strada di Montefoscoli si va poi a ricongiungere con la SP11, da li andando verso sinistra arriveremo al bivio per il paese fantasma di Toiano, giungiamo al paese tramite la strada sterrata denominata “Strada Comunale di Toiano”, con molta prudenza perché oltre ad essere sterrata è molto disconnessa e ripida; arrivati al paese collocato su dei calanchi di formazione simile a quelli volterrani, verremo accolti da una meravigliosa e ampissima vista panoramica che si estende su una grande parte di Valdera; Toiano è appunto disabitato e composto da edifici pericolanti e semi crollati, fra i quali anche una chiesa sconsacrata dedicata a Giovanni Battista. Toiano è iscritto nell’elenco del FAI dei “Luoghi del Cuore da Salvare”. Scendendo a valle e ricongiungendoci con la SP11 possiamo tornare verso Pontedera.

Ma torniamo a Palaia, a quel bivio; abbiamo percorso la strada di destra, adesso andiamo verso sinistra e alla diramazione andiamo verso Colleoli tramite la strada denominata “Strada Comunale di Palaia La Rotta”, questo percorso ha un asfalto abbastanza irregolare, quindi obbliga ad un’andatura lenta e molta attenzione; percorrendola troviamo le frazioni di Colleoli e San Gervasio oltre che la Pieve di San Martino situata poche centinaia di metri dopo Palaia; a San Gervasio ci sono due luoghi degni di visita: il museo della Civiltà Rurale, situato all’interno di una vecchia casa colonica, al suo interno sono situati attrezzi e macchinari atti al lavoro nei campi, e il borgo con la sua Pieve. Continuando a percorrere questa strada ci ricongiungiamo con la Tosco Romagnola in località La Rotta, e da li è possibile tornare verso Pontedera.




Tornando un’ultima volta a quel bivio di Palaia, prendiamo la diramazione che porta verso San Miniato denominata “Via E. Orsi” prima e “Via Andrea di Mino” dopo; zigzagando per qualche tornante troviamo una stradina sterrata sulla destra, con l’indicazione “Agliati”, questa è un’altra frazione del Comune di Palaia ed è situato nella zona di Collelungo; percorrendo questa strada in parte sterrata e in parte asfaltata, vi troverete al cospetto di un eremo chiamato “Eremo di San Martino”, dal piazzale antistante si gode di una vista bellissima che spazia dalle colline di San Miniato fino alla zona dell’empolese, con gli Appennini Tosco-Emiliani sullo sfondo.

Questa è l’ultima frazione degna di nota del territorio di Palaia, un piccolo pezzo di Valdera pieno di tante meraviglie.

LEGGI ANCHE: In Vespa alla scoperta della Valdera

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 25 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...