Vespa 150 Sprint Veloce, un amore mai finito

Avete mai pensato di vendere la vostra Vespa per poi ritrovarla dopo anni e anni nelle mani di un’altra persona? Bene, ho conosciuto una persona alla quale è successo e sembra davvero un perfido “gioco” del destino.

Questa persona, la quale vuole rimanere anonima, mi ha raccontato la sua storia e mi ha lasciato veramente senza parole.

La Vespa in questione è una Vespa 150 Sprint Veloce degli anni ’70 ed è stata la primissima Vespa del mio lettore con la quale ha fatto un viaggio dalla Toscana fino in Sicilia con l’ex moglie, a questa Vespa sono legati tanti ricordi ma, purtroppo, un giorno ha fatto l’errore di venderla e qui apro una parentesi; vi sarà sicuramente capitato di essere fermati da alcune persone, solitamente dai 50 anni in su, mentre siete a dei raduni o in giro, la frase classica è sempre stata: “E’ tua questa Vespa? Bella complimenti… ehh una volta ce l’avevo anche io poi, accidenti a me, l’ho venduta…”, in tanti, anzi troppi, fanno o hanno fatto questo errore.




Tornando alla storia che sto raccontando, la “sua” Sprint Veloce l’ha ritrovata dopo quarant’anni durante il raduno dei “Vesperanza” sulla strada per Amatrice; però per farvi entrare più nel vivo di questa storia riporto qui la mail che mi è stata inviata dall’ex proprietario, col quale avevo già intrattenuto una bella conversazione a a cena ad Assisi.

LEGGI ANCHE: I “Vesperanza” ad Amatrice: la mia esperienza

“…Proprio parlando di Vespa, tra una portata e l’altra, Ti ho raccontato che nel 1978, allora avevo 23 anni e mi ero appena sposato, feci con mia moglie un bellissimo viaggio in Sicilia con una 150 Sprint Veloce e che mi sarebbe tanto piaciuto ritrovarla e magari riaverla… ma chissà dove era finita!

A quella Vespa sono legati dei ricordi indelebili, quelli che poi, quando diventi vecchio, ti fanno capire tante cose, troppe.

La mattina del 29 il lungo serpentone giallo (colore dei giubbini di riconoscimento dati ai partecipanti ndr), tale sembrava la nostra carovana, si incammina verso Amatrice lungo le belle strade della verde Umbria, ma a questo punto il destino ci mette del suo!

Mentre la Carovana dei “Vesperanza” rallenta prima di entrare nella galleria che porta in Val Nerina mi supera una 150 Sprint Veloce blu!

Apro il gas del GTS,  la raggiungo, leggo bene la targa…  NO NO… non è possibile!

Qui tra 200 Vespe…… si si è proprio Lei!

La mia prima Vespa!

Il mio cuore batte all’impazzata, neanche avessi ritrovato la mia prima fidanzata…

Ci fermiamo e chiedo al ragazzo che la guida, con gli occhi pieni di lacrime ed il groppo alla gola, se fosse lui il proprietario, la risposta è affermativa!

Gli dico che sono stato il primo proprietario di quella Vespa, la mia mente è in confusione… Non so cosa dire…

Ma come dopo quarant’anni ti ritrovo qui!!

150 Sprint Veloce AmatriceA Norcia, mentre facciamo sosta per il rifornimento mi avvicino di nuovo al ragazzo e gli chiedo se per favore mi fa vedere il libretto di circolazione, gentilmente acconsente, il primo nome è veramente il mio!

Gli faccio capire che per me quella Vespa ha un valore affettivo unico e che non ci sarebbero problemi di prezzo se volesse… ma non ho insistito.

Ad Amatrice la riconosco immediatamente parcheggiata tra le altre centinaia di Vespe, per me è unica anche se è una “banale” Vespa 150 Sprint Veloce blu.

Su un bigliettino scrivo il mio nome, numero di cellulare e le parole:  pensaci! grazie.”

Quando ho ricevuto questa mail ho dovuto leggerla almeno 4 volte, mi sono immedesimato in lui ed è veramente come trovare il primissimo amore delle scuole medie dopo anni e anni, quell’amore non si scorda mai, la voglia di riavere quella Vespa 150 Sprint Veloce sicuramente sarà stata immensa per lui, c’è da capirlo.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Avatar

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 23 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...