Come fare una giusta carburazione alla Vespa

Ottenere una giusta carburazione per la nostra Vespa può essere un enorme rompicapo per ogni Vespista, tranne ovviamente per quelli più esperti; con questo articolo cercheremo di capire insieme come risolverlo.




CarburazioneCos’è il carburatore?

Come sappiamo, il carburatore, è una parte fondamentale di ogni motore a scoppio che non sia ad iniezione diretta/elettronica; questo componente gestisce l’ingresso di carburante all’interno del motore; infatti crea un mix fra aria e miscela che, passando nei condotti studiati e costruiti ad hoc per avere un “effetto venturi”, permette al motore di funzionare correttamente.

Esistono sia a corpo singolo (monocorpo) sia a doppio corpo; per la Vespa sono utilizzati carburatori a corpo singolo, però ci sono diverse misure, ad esempio la mia PX monta un carburatore 20.20 Dell’Orto; il primo numero indica la dimensione in mm dell’entrata dal filtro dell’aria, mentre il secondo numero indica la dimensione, sempre in mm, dell’uscita che porta al collettore d’aspirazione.

La carburazione – prime operazioni

Proprio quel mix di aria e miscela sopracitato, viene creato per effetto di una giusta carburazione; cioè il giusto dosaggio di aria ed il giusto dosaggio di miscela che vanno ad entrare nel carburatore. Per avere una giusta carburazione, la prima cosa da fare è controllare che sia carburatore (in tutte le sue parti quindi i getti, la vaschetta, ecc.), sia il filtro dell’aria siano puliti; in più si deve controllare che il tubo di passaggio della benzina sia in buone condizioni e che nessun passaggio dell’aria nella scocca della Vespa sia ostruito; se così non fosse potrebbe essere necessaria la sostituzione di guarnizioni e spillo, per farlo serve l’apposito “kit di revisione” che potete cercare ed acquistare su Amazon facendo clic su questo link.

LEGGI ANCHE: Come pulire il carburatore, guida passo passo

Il “clou” della carburazione

Dopo aver completato questi passaggi andiamo ad operare sulle regolazioni presenti sul carburatore, le quali sono sostanzialmente delle viti:

  • Vite del minimo, questa vite agisce sulla ghigliottina tenendola aperta quanto basta per ottenere un regime regolare appunto al minimo, si trova sempre in corrispondenza dell’aggancio del filo dell’acceleratore, svitandola aumenteremo l’apertura della ghigliottina e di conseguenza innalzeremo il regime di rotazione del motore al minimo, avvitandola avremo l’effetto contrario;
  • Vite della carburazione, questa vite agisce proprio sul rapporto dei componenti della miscela aria/carburante, si può trovare a valle del carburatore (vicino al collettore di aspirazione) oppure a monte (vicino al filtro dell’aria), se la vite si trova a valle del carburatore, avvitandola andremo a “smagrire” la carburazione perchè va a chiudere il passaggio, svitandola la carburazione si “ingrassa”; se la vite si trova a monte il funzionamento è l’opposto.

Ricordo che la carburazione “magra” vuol dire che il mix è ricco d’aria e povero di carburante, la carburazione “grassa” è ricca di carburante e povera d’aria.




CarburatorePer “settare” in maniera giusta la carburazione è molto importante scaldare un po’ il motore, poi azionando la vite del minimo bisogna cercare di tenere il motore leggermente su di giri svitandola, successivamente dobbiamo avvitare completamente la vite della carburazione e aspettare che il motore si spenga.

A motore spento, svitiamo di circa un giro e mezzo la vite della carburazione; riaccendiamo il motore e andiamo ad azionare la vite del minimo trovando il regime giusto, quindi ne troppo accelerato ne troppo “borbottante” come se stesse per spegnersi.

LEGGI ANCHE: Quale tipo di candela scegliere per la propria Vespa?

Fase finale

Fatta questa operazione dobbiamo andare su strada e provare la nostra Vespa tirando le marce e vedendo come si comporta; dopo un paio di tirate dobbiamo controllare la candela e vedere come si presenta l’elettrodo:

  • Color nocciola significa che abbiamo trovato la giusta carburazione;
  • Bianco vuol dire che la carburazione è “magra”, quindi la dobbiamo “ingrassare” azionando la vite della carburazione svitandola di mezzo giro per volta;
  • Nero ci avverte che la carburazione è troppo “grassa”, quindi la dobbiamo “smagrire” azionando la vite della carburazione avvitandola di mezzo giro per volta.

Siamo arrivati alla fine di questa breve guida per carburare la nostra Vespa; ricordo che comunque tutta questa procedura avrà successo solo se il motore si trova in buone condizioni. Se avesse dei trafilaggi di miscela o delle aspirazioni d’aria dalle guarnizioni, trovare la giusta carburazione sarebbe impossibile.



Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Avatar

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 25 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...