Come lavare la Vespa: guida passo passo

Le nostre compagne di viaggio hanno diritto ad una bella doccia dopo magari un lungo viaggio o una bella scampagnata in campagna; strade sterrate, moscerini e affini sono nemici della pulizia della carrozzeria; basterebbe un po’ d’acqua e olio di gomito per pulirla decentemente, ma no, noi teniamo alle nostre Vespa, quindi ecco a voi la guida passo passo per come lavare la Vespa in maniera quasi maniacale.




LEGGI ANCHE: Cosa mettere nel bauletto della Vespa

Per iniziare

Se avete una Vespa con il bauletto, dato che non ha le guarnizioni (a meno che non le abbiate fatte da soli) mettete una busta di plastica a contrasto con lo sportello e il corpo del bauletto, così da evitare l’entrata di acqua; dopo di che armatevi di spazzola, Cif crema (io di solito uso questo prodotto e funziona benissimo) e una bacinella d’acqua. Applicate un po’ di Cif sulla sella e iniziate a strofinare con la spazzola, dopo aver strofinato su tutta la superficie della sella risciacquate con acqua pulita; lo stesso procedimento va fatto anche sul tappetino della pedana, se la Vespa ne è provvista, poi stendetelo ad asciugare.

Fatto ciò, il prossimo passo è bagnare tutta la Vespa con acqua pulita tiepida, poi riempire un secchio sempre con acqua tiepida e metterci dentro dello shampoo per auto (si può trovare su Amazon, i prezzi variano a seconda della qualità); due spugne e iniziate delicatamente ad insaponare tutta la carrozzeria con una spugna mentre ruote e cerchi con l’altra spugna, onde evitare di usare una spugna già sporca, poi risciacquate il tutto.

Per asciugare senza lasciare aloni basta usare un panno di pelle di daino inumidito, poggiarlo sul palmo aperto della mano, e passarlo delicatamente sulla carrozzeria, con “strizzature” fatte a intervalli regolari per eliminare l’acqua in eccesso.

Ultimissima operazione da fare nella fase di asciugatura, ma non meno importante, è quella di soffiare con l’aiuto di un compressore sotto le strisce di gomma posizionate sulla pedana, così da eliminare qualsiasi residuo d’acqua e salvaguardare la pedana stessa dalla ruggine.

Lavaggio motore

Ora passiamo al motore, dentro al vano viene aspirata molta polvere che poi si deposita sopra al blocco, col caldo che si sviluppa sopra la sua superficie la polvere rimane li e si impasta, formando così la famosa “morchia”; questa sporcizia che si va inevitabilmente a creare la si può togliere con l’aiuto di uno straccio, uno spazzolino e un po’ di benzina: bagnando lo spazzolino e strofinandolo sul blocco, la morchia verrà via immediatamente, basta poi passarci con lo straccio e il blocco tornerà come nuovo; per le parti in plastica come ad esempio la cuffia del cilindro basta passarci uno straccio inumidito con acqua per toglierci la polvere di sopra.




Lo straccio inumidito con la benzina va benissimo anche per togliere gli schizzi di olio incombusto che uscendo dalla marmitta si vanno, per forza di cose, a depositare su cerchio e mozzo ruota.

Chiusa la pratica motore si passa alle finezze, a quel tocco in più di stile per le nostre Vespa, prendiamo uno spray rinnovante per gomma e plastica, di solito io uso uno spray della Arexons, e una spugnetta.

Spruzziamo un po’ di prodotto sulla spugnetta e passiamolo sulle placchette della pulsantiera che abbiamo sul manubrio: fari e frecce (per chi le ha, ovviamente); successivamente spruzzate lo stesso prodotto sul tappetino lavato prima, così sembrerà appena comprato in negozio.

Fatto ciò si passa alle gomme, per chi vuole si possono ripassare le scritte in basso rilievo sul pneumatico (ad Es. Michelin S83) con un pennarello a vernice bianca come l’Uniposca, oppure per i meno “corsaioli” basta anche una passata di nero gomme data con la spugnetta, donando quella brillantezza che darà alla Vespa quel tocco di pulizia in più, mi raccomando: il nero gomme non deve essere dato sul battistrada sennò conoscerete da vicino l’asfalto!

Ultima fase: cera!

Avete presente il classico “metti la cera, togli la cera“? Ecco ora andrete a fare proprio questo: prendete, oltre che a un flacone di cera, due panni in microfibra, uno vi servirà per passare la cera e l’altro per togliere quella in eccesso; mettete un po’ di cera sul panno in microfibra e applicatela sulla carrozzeria, imprimete al panno giri lenti ma continui, non appena vedete che inizia a apparire un velo biancastro, con l’altro panno pulito passate alla stessa maniera per togliere l’eccesso di cera dalla parte interessata; continuate questa operazione su tutta la Vespa, quando avrete finito sentirete la carrozzeria liscia come il sedere di un bambino e lucente al sole.

Con questo abbiamo finito, avete donato alla vostra Vespa la brillantezza adatta anche ad una sfilata, direi la giusta ricompensa per tutti i suoi anni di “servizio”!

Per meglio capire come lavare la Vespa guardate questo video!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Avatar

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 24 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...