“Dalle mura alle colline lucchesi” – V.C. Lucca

Domenica 13 Giugno 2021 si è svolto il raduno nazionale “Dalle mura alle colline lucchesi” organizzato dal Vespa Club Lucca; in una parola? Finalmente!

Si è interrotta un’astinenza che durava dall’ottobre 2019, quando ho partecipato all’ultimo raduno a Cavallina di Mugello (FI). A tutti i ragazzi del V.C. Lucca va il mio ringraziamento per aver avuto il coraggio di confermare la data “lottando” per avere tutte le autorizzazioni da parte delle autorità competenti, missione sempre complicata ed adesso molto di più.

LEGGI ANCHE: X° VespaMugello – V.C. Mugello




Tour collinaIl ritrovo del raduno

Dalla sede del V.C. Valdera, insieme ad altri Vespisti compagni di Club, siamo partiti di buon’ora alla volta di Lucca; il ritrovo del raduno era all’interno delle iconiche mura della città di Lucca nel piazzale Verdi (ex “Cavallerizza”).

Al ritrovo del raduno “Dalle mura alle colline lucchesi” veniamo accolti dal personale della Misericordia di Montecarlo (LU) che ci ritira la nostra autocertificazione e ci misura la febbre, il tutto direttamente sotto all’arco d’ingresso; fatto ciò l’organizzazione ci fa sistemare sugli stalli segnati sul piazzale raggruppati per club. Le prime novità dell’“era covid”.

Parcheggiata la Vespa nell’area assegnata al nostro Club sono andato a prendere gadget (toppa, adesivo, portachiavi e opuscolo informativo del raduno) e colazione preconfezionata.

Il tour!

Partiti dal piazzale il “serpentone” di tutte le Vespa si è diretto sopra le mura della città fra lo stupore dei passanti che, salutandoci, si sono prodigati a fare video e foto da condividere con gli amici: “Guardate quante Vespa sulle mura di Lucca!.

Le mura urbane di Lucca sono il secondo esempio in Europa per lunghezza e stato di conservazione; risalenti “così come le vediamo” alla seconda metà del seicento sono ad oggi perfettamente conservate. Passare da li con la Vespa provoca una sensazione del tutto particolare pensando soprattutto a quanta storia è passata da li sopra.

Percorso tutto il perimetro delle mura, di 4km e 223m, siamo usciti dalla città attraverso “Porta Sant’Anna”, abbiamo circumnavigato la città dall’esterno delle mura per poi dirigersi verso le colline al di sopra di Lucca e completare il senso di “Dalle mura alle colline lucchesi”.

La parte collinare del tour ha coperto una distanza di 40km fra strade molto strette, curve morbide e tornanti secchi; il tutto incorniciato da scorci veramente splendidi sulla piana lucchese sottostante fino ai Monti Pisani che dividono Lucca e Pisa.

Con questo tour ho scoperto un itinerario perfetto da percorrere in Vespa: a bassa velocità ma molto divertente per l’aspetto tecnico che deve avere la guida su quei tratti così tortuosi.




paesaggi lucchesiIl ritorno alla “ex Cavallerizza”

Il tour si conclude nello stesso punto della partenza: alla “ex Cavallerizza”. Parcheggiata la Vespa nel piazzale antistante l’organizzazione ci ha fornito di un “pack aperitivo” sempre sigillato in ottemperanza delle regole anti-covid.

Qui finisce il raduno “Dalle mura alle colline lucchesi”; un evento che ha visto la partecipazione di circa 300 Vespisti (super disciplinati) provenienti soprattutto dalla Toscana ma anche da Friuli Venezia Giulia e Piemonte.

Ancora grazie a tutti i componenti del Vespa Club Lucca per l’ottima organizzazione dell’evento, resa ancora più difficile dalla situazione che tutti noi conosciamo.

Alla prossima!

Foto di Luciano Grassi, Popolo Vespista.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 25 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...