In garage

Come cambiare marmitta alla Vespa PX

Nel corso della manutenzione straordinaria di una Vespa può capitare di dover sostituire la marmitta; in questo articolo vi spiegherò “passo passo” come cambiare marmitta alla Vespa PX.

In questo caso andremo a sostituire una marmitta originale con una marmitta Polini “Original”: questo scarico di casa Polini è ottimo per chi cerca quella brillantezza in più che può dare un gruppo termico originale, è comunque indicata anche per chi monta un gruppo termico maggiorato di 177 cc.

La particolarità di questo scarico sta proprio nella ricerca della migliore ottimizzazione dello scarico originale Piaggio; ciò è stata trovata aumentando il diametro del collettore a monte della “padella” facendo si che il gas di scarico si “espanda”; inoltre è stato rivista anche la circolazione dei gas di scarico all’interno della “padella” stessa.




unboxing polini originalUnboxing e prime impressioni

All’interno della scatola troviamo un adesivo Polini e alcune piccole brochure informative, oltre che ovviamente alla marmitta ben protetta da un paio di strati di “pluriball”. Tirato fuori lo scarico si nota subito il diametro del tubo collettore che si allarga mano a mano che ci si avvicina alla “padella”; inoltre si vede anche che il terminale è spostato verso l’esterno della Vespa, questa soluzione  fa si che, in marcia, si evita di macchiare il tamburo con l’olio incombusto che potrebbe essere “scartato” dal motore.

La prima impressione è quella di un prodotto fabbricato con buoni materiali e con buone “finiture” come ad esempio le saldature e la verniciatura nera a polvere. Un bel tocco di stile è il simbolo Polini in bassorilievo sulla “padella”.

Sporchiamoci le mani

Cambiare marmitta alla Vespa può sembrare un lavoro semplice ma, senza seguire i giusti “passi” potrebbe riservare delle insidie.

Iniziamo togliendo le “pance” laterali e la ruota di scorta; dopo dobbiamo alzare la Vespa, aiutandoci con un cric posto al centro della pedana e dietro al cavalletto, ed infine andiamo a smontare la ruota posteriore.

originale e polini original

Dopo di ciò dobbiamo allentare il “collare” della marmitta posto in corrispondenza del collettore di scarico del cilindro e svitare il bullone centrale che tiene la marmitta al supporto centrale del motore; fatto questo possiamo sfilare la vecchia marmitta.

Polini, per far posto alla nostra nuova “Original” raccomanda di modificare il posizionamento della molla del cavalletto; infatti dobbiamo togliere la piccola “lamina” ed infilare la molla direttamente nella sede sotto la pedana, così da guadagnare quei pochi millimetri che assicureranno il giusto posizionamento della marmitta. Oltre a ciò, per facilitare l’installazione, dobbiamo anche scollegare l’ammortizzatore posteriore svitando il bullone al carter.

Ora siamo pronti per installare la nostra nuova marmitta! Iniziamo con l’inserire il “collare” sul collettore della marmitta per poi collegare il tutto al cilindro; fatto ciò abbassiamo leggermente il motore e serriamo la vite che assicurerà la marmitta al supporto centrale del motore, infine serriamo anche il “collare” ed abbiamo finito!




Eventuale carburazione

Qui si conclude la mia guida per come cambiare marmitta alla Vespa PX. Per una configurazione con gruppo termico originale, Polini consiglia di montare un getto 100 per il 125cc o un 102 per il 150cc.

Inoltre potrebbe essere necessario ricarburare la Vespa, ma questo lo potrete valutare dopo qualche km controllando il colore della candela.

LEGGI ANCHE: Come fare una giusta carburazione alla Vespa

Se siete interessati all’acquisto di una Polini “Original”, vi lascio di seguito i due link dedicati:

Per tutte le informazioni vi rimando al sito ufficiale di Polini.

Grazie, ovviamente, a Polini per l’opportunità.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo adesso con i tuoi amici!

Matteo Becuzzi

Ciao, sono un ragazzo di 27 anni con una passione sfrenata per i motori, in particolare per la Vespa, mia compagna di avventure dal 2012. Ho anche un debole per la Ferrari, ma questa è un'altra storia...